Afantasia - Studio PNC

       Studio PNC

Psicoterapia e Neuropsicologia Cognitiva
Vai ai contenuti

L' AFANTASIA

Pubblicato il 22 Gennaio 2023
L’afantasia congenita è considerata l'incapacità di generare consapevolmente immagini visive. Sebbene le prime descrizioni di questo disturbo siano risalenti ad Aristotele, non è stato formalmente descritto nella letteratura scientifica fino al 2015. L'afantasia colpisce circa il 4% della popolazione e comporta una forte diminuzione o totale incapacità di portare alla mente immagini mentali durante la veglia. Metà delle persone con afantasia riferiscono una diminuita capacità di immaginare le informazioni provenienti da altri sensi; non possono, per esempio, generare il suono di una canzone nella loro mente, o mentalmente evocare l'odore di una rosa. Poiché anche altre modalità sensoriali sono colpite, alcuni ricercatori sostengono che l'afantasia potrebbe non essere un disturbo delle immagini visive ma un disturbo della memoria.
 
Andrea Blomkvist, ricercatore presso il Centro di Psicologia Filosofica dell'Università di Anversa, ha pubblicato un articolo sulla rivista Mind & Language nel luglio del 2022 in cui delinea una teoria secondo la quale l'afantasia dovrebbe essere intesa come un cluster di menomazioni che interessano il sistema episodico coinvolto nella memoria e nel richiamo.
 
Per capire il nocciolo della sua argomentazione, Blomkvist fa un esempio di una ragazza di nome Matilda che cerca di ricordare di andare a cavallo nella sua vecchia scuola di equitazione. Perché questo accada, la mente cosciente di Matilda emette comandi per ricostruire una ricordo, cioè, si impegna nel processo di recupero episodico. Si presume che da qualche parte nel cervello di Matilda (forse l'ippocampo) ci sia una sorta di "indice" per i ricordi che contiene informazioni sulla posizione di tutte gli input sensoriali che potrebbero essere utilizzate per ricostruire la traccia di memoria. Ciò potrebbe includere informazioni visive, uditive, gustative, tattili, olfattive e affettive.
 
I ricordi contengono molte più informazioni delle informazioni sensoriali. Ci sono elementi non episodici come l'informazione spaziale (quella sensazione di dove l'evento ha avuto luogo) e l'informazione semantica (informazione verbale o concettuale). Le persone con afantasia in genere non hanno alcun problema con le informazioni semantiche o spaziali quando ricordano un evento. Ma hanno difficoltà a ricordare gli elementi episodici, suggerendo che è il sistema di recupero episodico ad essere difettoso.
 
Se Matilda avesse l'afantasia, potrebbe essere in grado di dirti che ricorda di aver cavalcato il suo cavallo, il nome del cavallo e persino di che colore era il cavallo (cioè, informazioni semantiche). Potrebbe essere in grado di articolare dove si trovava quando cavalcava il cavallo e il percorso che hanno preso nel bosco (cioè, informazioni spaziali). Ma non può evocare un'immagine mentale del cavallo (cioè, non può vedere il colore del cavallo anche se potrebbe sapere che era marrone), o che cosa il cavallo ha odorato, il suono delle foglie sotto gli zoccoli. Per qualsiasi ragione, l'informazione episodica che coinvolge i sensi è difficile, se non impossibile, da recuperare.
 
Poiché il sistema episodico è coinvolto anche nell'immaginare eventi futuri, un errore nel sistema episodico spiega anche perché le persone con afantasia non possono richiamare alla mente informazioni sensoriali immaginarie. Non possono vedere/sentire/annusare nulla quando viene chiesto loro di immaginare nell'occhio della loro mente come potrebbe essere camminare su una spiaggia o mangiare una mela.
 
La causa è, secondo la teoria di Blomkvist, ancora sconosciuta.
 
Uno studio recente ha esaminato i problemi più generali di memoria nei soggetti con afantasia. I risultati hanno dimostrato che le persone con afantasia non sono solo carenti nel rievocare eventi autobiografici che sono accaduti nel loro passato (come Matilda e il suo cavallo), ma sono generalmente carenti in tutti i compiti di memoria. Ciò include sia le attività di memoria verbale a breve che a lungo termine.
 
In un primo momento, questo risultato sembra in contrasto con l'idea di Blomkvist che sia solo la memoria episodica e non semantica/ verbale ad essere deficitaria. Ma gli autori di questo studio sottolineano che di fronte a un compito di memoria verbale, molte persone usano immagini visive come strumento per aiutarsi a ricordare parole e concetti. Questo fa parte della teoria della doppia codifica che afferma che "la conoscenza può essere rappresentata sia visivamente che verbalmente, il che significa che si può ricordare una foto di un cane e/ o una descrizione verbale di esso."
 
Le persone con afantasia, tuttavia, potrebbero non avere la capacità di codificare i ricordi con entrambi i sistemi, il che "spiegherebbe i deficit nella memoria verbale a causa della mancanza di strategie visive complementari", secondo gli autori dello studio.
Ultimi articoli
Self-control
6 Ottobre 2022

Una lente positiva attraverso cui guardare gli eventi grazie al protocollo MBSR
6 Ottobre 2022

I Rituali
15 Ottobre 2022

Il Parent Training
17 Ottobre 2022

Riferimenti
           
  • Blomkvist, A. (2022). Aphantasia: In search of a theory. Mind & Language.
  • Monzel, M., Vetterlein, A., & Reuter, M. (2022). Memory deficits in aphantasics are not restricted to autobiographical memory–Perspectives from the Dual Coding Approach. Journal of Neuropsychology, 16(2), 444-461.
  • Zeman, A., Dewar, M., & Della Sala, S. (2015). Lives without imagery – Congenital aphantasia. Cortex, 73, 378– 380. https://doi.org/10.1016/j.cortex.2015.05.019
  • Foer, J. (2012). Moonwalking with Einstein: The art and science of remembering everything. Penguin.
Autore

Dott.ssa Aurora Tirelli

Sono laureata in Psicologia Cognitiva Applicata e sono una specializzanda presso l’Istituto Beck in “Psicoterapia Cognitivo Comportamentale”, oltre ad essere un’esperta in mindfulness e Training Autogeno.
Le specializzazioni che conseguo mirano alla terapia di disturbi d’ansia, attacchi di panico,...

Rispondemiano a tutte le tue domande sulla salute mentale e sul benessere
Contatti
Corso Vittorio Emanuele 440
Scala B (ultimo piano)
Napoli 80135
Cell.: 3497969415 - 3398766537
email: info@studiopnc.it

Social

Torna ai contenuti