Lutto - Studio PNC

StudioPNC
Psicoterapia e Neuropsicologia Cognitiva
StudioPNC

Vai ai contenuti
Trattamenti
Lutto


Quando affrontiamo un lutto, normalmente siamo capaci di entrare in uno stato di accettazione
entro circa 18 mesi. Tendenzialmente l’essere umano ha la capacità di accettare e superare la morte
di una persona cara. Il lutto però può diventare patologico quando è presente una difficoltà ad
accettare la sua ineluttabilità.

Cosa può essere definito “lutto”?
Il lutto è un’esperienza complessa che mette in moto una serie di reazioni emozionali,
comportamentali e cognitive e che comporta il manifestarsi di fasi tipiche, caratterizzate da uno
specifico pattern di emozioni, reazioni somatiche, atteggiamenti cognitivi e comportamentali.


Trattamenti
Obesità
Shopping Compulsivo
Anoressia
In quanti e quali fasi si suddivide?
1. Fase di stordimento/incredulità: in cui si riconosce l’impossibilità a rendersi conto della
perdita subita, fino, in alcuni casi, alla totale negazione dell’evento luttuoso. Dopo una
tragica esperienza di perdita talvolta restiamo anestetizzati in modo da non dover affrontare
immediatamente la dura realtà; questo stato di choc può durare alcune ore o giorni, appare
come una temporanea fuga dalla realtà. Esso viene poi interrotto da momenti di
consapevolezza dell’evento reale in cui si manifestano emozioni intense come la
disperazione, la rabbia, il panico preannunciando la sofferenza intensa che seguirà.
2. Fase di ricerca e struggimento per l’oggetto perduto: è la fase del cordoglio acuto, di intenso
dolore, angoscia, ansia, disperazione rabbia per la crescente consapevolezza della realtà
della perdita subita. Si sviluppano modalità comportamentali tipiche come irrequietezza
motoria, insonnia, difficoltà di concentrazione ma con focalizzazione su tutto ciò che ricorda
la persona perduta, ripercorrere mentalmente gli eventi che hanno portato la perdita. È una
fase in cui i comportamenti e l’attività cognitiva sono organizzate in una continua ricerca
della persona perduta come tentativo di sentirla vicina, ma subito dopo si sprofonda in una
dolorosa delusione e disperazione per la consapevolezza della realtà.
3. Fase di disorganizzazione e disperazione: le continue delusioni nel cercare la persona cara
portano ad una più consapevole impossibilità di recuperarla e quindi la disperazione, l’apatia
e l’umore depresso sono caratteristiche in questa fase. Il vuoto lasciato non si colma più e
l’assenza diviene consapevolmente irreversibile. La speranza di ritrovare la persona perduta
via via si affievolisce lasciando spazio ad un’attenzione sul resto del mondo.
4. Fase di riorganizzazione (più o meno riuscita): dopo la completa realizzazione della realtà si
instaura una graduale e presa di coscienza del mutamento che è avvenuto nella propria vita
con una conseguente ed obbligata riorganizzazione del proprio mondo interno.
Quali sono gli interventi più efficaci che aiutano la nostra sfera emotiva?
In supporto poi agli interventi CBT si potranno utilizzare altre tecniche quali l’EMDR, la Terapia
Sensomotoria e l’intervento di gruppo che presenta più vantaggi rispetto all’intervento individuale.
Torna ai contenuti