Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività

pubblicato in: Età Evolutiva | 0

Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI) è uno dei più comuni disturbi neurocomportamentali e si manifesta, nella prima infanzia, principalmente con due classi di sintomi:

  • un evidente livello di disattenzione
  • una serie di comportamenti che denotano iperattività e impulsività

Questo disturbo è considerato ora una condizione eterogenea potenzialmente cronica, che presenta sintomi rilevanti e problematiche associate che vanno a colpire diversi aspetti funzionali della vita di tutti i giorni.
I sintomi relativi alla disattenzione si riscontrano soprattutto in bambini che, rispetto ai propri coetanei, presentano un’evidente difficoltà a rimanere attenti o a lavorare su uno stesso compito per un periodo di tempo sufficientemente prolungato. Solitamente questi soggetti non riescono a seguire le istruzioni fornite, sono disorganizzati e sbadati nello svolgimento delle loro attività, hanno difficoltà nel mantenere la concentrazione, si fanno distrarre molto facilmente dai compagni o da rumori occasionali e raramente riescono a completare un compito in modo ordinato. Quando sono in classe sembrano disorientati e, spesso, passano da un’attività all’altra senza averne completata alcuna, si guardano continuamente attorno, soprattutto durante lo svolgimento di compiti, ma anche durante la proiezione della trasmissione tv preferita, ciò accade però soprattutto nei momenti in cui tali attività risultano noiose e ripetitive.
ddaiI bambini con iperattività – impulsività giocano in modo rumoroso, parlano eccessivamente con scarso controllo dell’intensità della voce, interrompono persone che conversano o che stanno svolgendo delle attività, senza essere in grado di aspettare il momento opportuno per intervenire; i genitori e gli insegnanti li descrivono sempre in movimento e sul punto di partire, incapaci di attendere una scadenza o il proprio turno.
Inoltre sembrano non sufficientemente orientati al compito e faticano a pianificare l’esecuzione delle attività che vengono loro assegnate.
Le manifestazioni di iperattività e impulsività sembrano essere attribuibili ad una difficoltà di inibizione dei comportamenti inappropriati che i bambini con disturbo dell’attenzione esprimono con agitazione, difficoltà a rimanere fermi, seduti o composti quando viene loro richiesto.
Studi epidemiologici indicano che il 3-7% dei bambini in età scolare e il 4-5% degli adolescenti e dei giovani adulti, rientra nei criteri del disturbo da deficit di attenzione stabiliti nel DSM-IV-TR con una proporzione che va da 2:1 a 9:1 tra maschi e femmine.
I soggetti affetti da DDAI presentano delle difficoltà nei seguenti campi relativi all’attenzione e alle funzioni neuropsicologiche: soluzione dei problemi, abilità di pianificazione, grado di allerta e di attenzione, flessibilità cognitiva, attenzione mantenuta, inibizione delle risposte automatiche, memoria di lavoro non verbale.
I risultati di recenti studi neurofisiologici sostengono l’ipotesi che il DDAI comporta un ipofunzionamento dei sistemi catecolaminergici e in particolar modo di quelli che agiscono nella corteccia prefrontale, evidenziando quindi l’importanza del ruolo che i circuiti dopaminergici fronto-striati assumono nella patofisiologia del disturbo.
Nonostante la visione precedentemente prevalente che descriveva il DDAI come un disordine limitato alla prepubertà, studi prospettici condotti su campioni clinici hanno dimostrato che il DDAI deve essere considerato un disturbo cronico. Tale disordine, se non trattato, espone al rischio di sviluppo successivo (adolescenza, adulti) di condotte antisociali, abuso di sostanze, difficoltà attentive, familiari, interpersonali ed educative.
E’ ormai chiaro che due terzi dei bambini con DDAI continuano a mostrare segni di tale patologia nelle età successive, tali da rendere cronico tale disturbo.

Assessment e trattamento

Per intervenire in maniera efficace è necessario effettuare un assessment approfondito e personalizzato. La valutazione ed il trattamento rappresentano due momenti altamente integrati: permettono di ottenere informazioni continue e periodiche sull’andamento del percorso psicoterapeutico e di prendere, in ogni momento, decisioni in merito all’opportunità di modificare, integrare o concludere i trattamenti. Prevedere un intervento individualizzato, significa poter garantire un approccio elastico e al tempo stesso rigoroso. Significativo è il coinvolgimento della famiglia attraverso la quale si potrà osservare l’interazione tra tutti i membri e si possono acquisire informazioni sui rapporti reciproci e sulle modalità di comunicazione. L’intervento con i genitori ha come scopo quello di guidare i genitori a sviluppare abilità di gestione e di modifica dei comportamenti disfunzionali; quello con il bambino va indirizzato verso tutte le aree che risultano compromesse (cognitiva, emotivo-affettiva, comportamentale e relazionale). Infine, intervento con gli insegnanti si basa su uno o più incontri psicoeducazionali. Ciò è necessario per rimuovere le valutazioni e gli atteggiamenti preconcetti sul bambino che spesso viene considerato, in virtù dei suio comportamenti, un problema difficile da gestire.

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.