Disturbi sessuali - Studio PNC

       Studio PNC

Psicoterapia e Neuropsicologia Cognitiva
Vai ai contenuti
Disturbi Sessuali
Quando si parla di disturbo sessuale?
I Disturbi Sessuali possono essere caratterizzati da un’anomalia del processo che
sottende il ciclo di risposta sessuale, o da dolore associato al rapporto sessuale. In
ciascuna fase del ciclo di risposta sessuale è possibile che si verifichi un diverso
disturbo sessuale; le fasi di risposta sessuale normale sono:
● Desiderio: che consiste in fantasie sull’attività sessuale e nel desiderio di
praticare attività sessuale.
● Eccitazione: che consiste non solo nella sensazione soggettiva di piacere
sessuale, ma anche nelle concomitanti modificazioni fisiologiche (tumescenza
del pene e erezione nel maschio; vasocongestione pelvica, lubrificazione e
dilatazione della vagina e tumescenza dei genitali esterni nella femmina)
● Orgasmo: che consiste in un picco di piacere sessuale, con allentamento della
tensione sessuale e contrazioni ritmiche dei muscoli perineali e degli organi
riproduttivi.
● Risoluzione: che consiste in una sensazione di rilassamento muscolare e di
benessere generale

Quante tipologie di disturbo sessuale esistono?
● Disfunzioni sessuali: sono le più comuni e di riferiscono a disturbi che
ostacolano o impediscono il rapporto sessuale;
● Parafilie: fanno riferimento a impulsi, fantasie o comportamenti sessuali nei
confronti di oggetti, attività o situazioni poco comuni (come ad esempio
ricevere o infliggere sofferenza fisica, umiliare se stessi o il partner, provare
eccitazione per oggetti inanimati insoliti etc...), bambini o persone non
consenzienti;
● Disturbi dell’identità di genere: per cui il soggetto prova estremo disagio e
sofferenza per il proprio corpo, identificandosi con il sesso opposto

Quali sono le cause della disfunzione sessuale?
Alla base della manifestazione di disfunzioni sessuali si possono individuare sia
cause psicologiche che fisiche. Quest’ultime fanno riferimento a problematiche quali:
● diabete
● effetti collaterali di farmaci
● squilibri ormonali (soprattutto nelle donne in menopausa)
● abuso di alcol
● disturbi neurologici
Per quanto riguarda l’aspetto psicologico, invece, sono risultati rilevanti fattori come:
● difficoltà relazionali e problematiche di coppia
● l’ansia da prestazione
● paura delle malattie
● apatia e depressione
● le idee distorte relative al sesso
● i pregiudizi di tipo religioso o morale

Perché la terapia cognitivo-comportamentale risulta il trattamento migliore?
la terapia cognitivo-comportamentale è risultata di provata efficacia nel trattamento
delle disfunzioni sessuali, mostrando una buona prognosi anche dopo un trattamento
di breve durata. Terapeuta e paziente collaborano attivamente nella messa in campo
di tecniche di natura comportamentale volte ad affrontare le difficoltà specifiche di
ciascun disturbo. Il trattamento mira anche a un lavoro più approfondito sulle
credenze disfunzionali sottostanti il disturbo, che ne mantengono il funzionamento
problematico. In alcuni casi è prevista una terapia farmacologica associata alla
psicoterapia.
Trattamenti
Disturbo Binge-Eating
Disturbo Bipolare
Disturbo Borderline
Contatti
Corso Vittorio Emanuele 440
Scala B (ultimo piano)
Napoli 80135
Cell.: 3497969415 - 3398766537
email: info@studiopnc.it

Social

Torna ai contenuti