Disturbi della Nutrizione

pubblicato in: Età Evolutiva | 0

dds2I disturbi della nutrizione e del comportamento alimentare nella prima infanzia vengono classificati in tre gruppi.
Pica, che consiste nella ripetuta ingestione di una sostanza per almeno un mese nei bambini piccoli, che non corrisponde ai criteri diagnostici per il disturbo autistico, la schizofrenia o la sindrome di Kleine-Lewin. Possono verificarsi avvelenamenti da piombo o da altre sostanze tossiche. È associata a ritardo mentale, abbandono e deficit nutritivi, ad esempio ferro o zinco. Può essere necessario un intervento sui genitori.
Disturbo di ruminazione. ddnRigurgito ripetuto, per almeno 1 mese, dopo un periodo di normale alimentazione (in assenza di patologie gastrointestinali; non è dovuto ad anoressia o bulimia nervosa. Il cibo ingerito viene rigurgitato in bocca, espulso o rimasticato e nuovamente ingerito. Non vi è sensazione di angoscia. È un disturbo raro, con esordio tra i 3 e 12 mesi. Il trattamento consiste in una guida informata dei genitori.
Disturbo della nutrizione e della condotta alimentare nella prima infanzia. Si tratta di una nuova categoria per bambini che mangiano in modo inadeguato per almeno 1 mese in assenza di una condizione medica generale o di un’altra condizione mentale patogenetica, con conseguente mancato aumento di peso o perdita significativa di peso. L’esordio avviene prima dei 6 anni di età. Poiché molti bambini con il disturbo hanno difficoltà caratteriali o presentano un ritardo nello sviluppo, oppure hanno genitori poco pazienti che li trascurano, è spesso fondamentale un intervento sui genitori.

Assessment e trattamento
Poiché il bambino è parte integrante di un nucleo familiare, è necessario quindi, in fase di assessment, interagire sia con lui che con la sua famiglia per ottenere un quadro completo della situazione ed impostare un piano di trattamento. Attualmente, esistono poche evidenze scientifiche circa l’efficacia dei diversi trattamenti impiegati nei disturbi alimentari dell’età evolutiva. È possibile solo identificare modelli di trattamento integrato, che si basano sull’approccio multidisciplinare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.