Anoressia - Studio PNC

StudioPNC
Psicoterapia e Neuropsicologia Cognitiva
StudioPNC

Vai ai contenuti
Trattamenti
Anoressia

Cos’è l’anoressia nervosa?
L’anoressia nervosa, considerata fino a 30 anni fa, una malattia rara, oggi sembra colpire lo 0,28%
delle adolescenti e delle giovani donne adulte dei paesi occidentali. In Italia i dati a nostra
disposizione evidenziano che ha una distribuzione uniforme: Italia del nord 0,36%, Italia centrale
0,4-0,36%, Italia del sud 0,2%. Il 90-95% delle persone colpite appartiene al sesso femminile e i
maschi costituiscono tuttora una minoranza.

In che fascia d’età solitamente se ne soffre?
L’età d’esordio del disturbo è compresa nella maggior parte dei casi tra i 12 e i 25 anni, con un
doppio picco di maggiore frequenza a 14 e 18 anni; negli ultimi tempi sono stati diagnosticati casi a
incidenza più tardiva, dopo i 20-30 anni, e alcuni a insorgenza più precoce, prima dei 12 anni. È una
patologia che colpisce soprattutto la popolazione occidentale, mentre è rara nei Paesi in via di
sviluppo, dove non esiste una forte pressione sociale verso la magrezza (dati AIDAP).

Quali sono i campanelli d’allarme?
La perdita di peso è perseguita attivamente seguendo una dieta ferrea e molto ipocalorica. Alcune
persone per perdere peso eseguono un’attività fisica eccessiva e compulsiva. Altre per dimagrire si
inducono il vomito o usano altre forme non salutari di controllo del peso, come ad esempio l’uso
improprio di lassativi o di diuretici. Le persone affette da anoressia nervosa attribuiscono una
eccessiva valutazione al peso e alla forma del corpo, in particolare considerano troppo grosse alcune
parti del proprio corpo (seno, pancia, sedere, gambe). Inoltre basano la valutazione di sé
principalmente sul loro peso: un aumento favorisce sensazioni di frustrazione e autosvalutazione; un
calo di peso, al contrario, facilita il senso di autocontrollo, di fiducia personale e di autostima. Nelle
persone più giovani con anoressia nervosa è spesso presente un rifiuto ad ammettere la gravità della
propria condizione di sottopeso.

Quante tipologie di anoressia esistono?
Il DSM 5 indica 2 Sottotipi di Anoressia:
● Con Restrizioni: se l’individuo non presenta regolarmente abbuffate o condotte di
eliminazione (per es. vomito autoindotto, uso inappropriato di lassativi, diuretici o
enteroclismi).
● Con Abbuffate/Condotte di Eliminazione: l’individuo presenta regolarmente abbuffate o
condotte di eliminazione (per es. vomito autoindotto, uso inappropriato di lassativi, diuretici
o enteroclismi). Inoltre in questo caso ci sono maggior frequenza problemi di controllo degli
impulsi, abuso di sostanze, labilità emotiva ed una maggiore attività sessuale.
Trattamenti
Autismo
Bulimia
Coping Power Program
Torna ai contenuti